Violenza a Scuola

Aspetti clinici e medico-legali

Contributi dal Convegno “Violenza, no grazie. Come prevenire la violenza”

Vengono trattati brevemente aspetti

– Il bullismo orizzontale : bullismo a scuola tra alunni; il cyberbullismo o bullismo elettronico

– Il Bullismo verticale : bullismo contro gli insegnanti, professori, sottoposti ad un vero e proprio mobbing, delegittimati, impoveriti nei loro ruoli

ATTI DI BULLISMO : insulti, voci diffamatorie, razzismo, critiche immotivate, minacce, violenza privata, aggressioni, esclusioni dal gioco

Risarcimento danni per gravissimi danni alla psiche dei minori solo dopo aver dimostrato il comportamento illecito del bullo ed il danno alla vittima attraverso certificati medici, perizie e testimonianze

Il cyberbullismo o bullismo elettronico consiste in atteggiamenti e comportamenti finalizzati a offendere, spaventare, umiliare la vittima tramite i mezzi elettronici (mail, messaggeria istantanea, i blog, il telefono cellulare, i cercapersone e/o siti web). Le vittime dei bulli telematici sono gli adolescenti in età scolare, che frequentano spesso la stessa scuola dei cyber-persecutore. Il Governo Letta ha inasprito le pene per lo stalking informatico introducendo pene severe a scopo preventivo, punitivo, protezionistico con intervento anche della Polizia Postale. La Direttiva sul cyberbullismo stabilisce che sia trattato con estrema severità l’uso del telefono da parte di studenti (ma anche degli insegnanti) durante le ore di lezione con sanzioni rigide fino all’allontanamento dalla scuola responsabilizzando anche insegnanti e genitori. In questo caso la responsabilità non solo è da addebitare agli studenti ma anche alla scuola nei loro dirigenti primari (Presidi, Istituzioni, ecc).

Il Bullismo può essere paragonato al Mobbing nella sua importanza vessatoria ripetuta nel tempo posta in essere ai danni di un soggetto vittima di continue offese

REATI PENALI Sono quelli che si identificano in percosse o lesioni; danni a cose, offese, minacce, molestie.

RISARCIMENTO DANNI

  • danno morale (riguardante patimenti, sofferenze fisiche e morali, turbamenti dello stato d’animo della vittima)
  • danno biologico (riguardante la salute in sè considerata) danno alla integrità psicofisica
  • danno esistenziale : riguardante l’esistenza e la qualità della vita, la vita di relazione, la riservatezza dell’immagine, l’autodeterminazione.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *